Parla con un esperto!

Chiamaci al numero
800 788 660

Gli studi e le sperimentazioni cliniche dimostrano l’ampia gamma di potenziali utilizzi delle cellule dei neonati in molte aeree terapeutiche:

22 settembre 2011: cellule staminali e lesioni cerebrali
Introduzione: il trapianto di cellule staminali è una strategia terapeutica promettente per la cura dell’ictus. Le cellule staminali mesenchimali (MSC) sono una fonte cellulare potenziale per l’applicazione clinica, perché possono essere ottenute e coltivate in modo semplice con un’elevata capacità proliferativa.

La sicurezza e l’efficacia della terapia cellulare dipende dalla modalità di somministrazione delle cellule. Per determinare il potenziale terapeutico della somministrazione intratecale di MSC abbiamo somministrato le MSC provenienti dal sangue del cordone ombelicale umano (hUCB-MSC) per via intratecale nel midollo spinale lombare o per via intravenosa nella vena caudale in un tipo di ictus dei ratti, quindi abbiamo indagato sulla possibilità delle hUCB-MSC di entrare nel cervello, sopravvivere e migliorare il recupero funzionale neurologico post ictus.

Conclusioni: nel complesso i risultati indicano che la somministrazione intratecale di MSC può essere utile e fattibile per la cura con MSC di lesioni cerebrali, come l’ictus, o di malattie neurodegenerative.

Autore: Jung Yeon Lim Chang Hyun JeongJin Ae JunSeong Muk KimChung Heon
Fonte: Stem Cell Research & Therapy 2011

Intervento di cardiochirurgia – Secondo una ricerca di laboratorio condotta nel 2008 presso l’Ospedale Universitario di Monaco di Baviera, un giorno il sangue del cordone ombelicale potrebbe aiutare a riparare i cuori dei neonati con valvole cardiache difettose. Nello studio il team di ricerca utilizzò delle cellule staminali provenienti dal sangue del cordone ombelicale. Le cellule furono inseminate in otto protesi valvolari cardiache realizzate in materiale biodegradabile. Durante i test atti a verificare la gestione della pressione e del flusso sanguigno, le valvole biocostruite mostrarono un funzionamento simile a quello delle valvole cardiache naturali. Col passare del tempo le protesi si dissolvono, lasciando una struttura completamente formata realizzata dalle cellule staminali.

Riparazione ossea – Nel marzo 2010 i ricercatori della Columbia University fecero dei progressi significativi in un’area della medicina rigenerativa focalizzata sulla riparazione ossea. Riferiscono di aver creato un osso mascellare con l’ingegneria tissutale utilizzando le cellule staminali mesenchimali (MSC) provenienti dal midollo osseo. Le MSC fanno crescere in modo naturale il tessuto connettivo, come l’osso e la cartilagine, rendendo la rigenerazione ossea una delle aree terapeutiche odierne più studiate delle MSC. Queste cellule staminali si trovano anche nel sangue del cordone ombelicale e in concentrazioni particolarmente elevate nel tessuto del cordone ombelicale. Le MSC possono rivestire un ruolo nel progresso di queste terapie e potrebbero portare le ossa create con l’ingegneria tissutale alla sala operatoria. Diverse istituzioni mondiali stanno già testando la sicurezza e la fattibilità delle ossa create con l’ingegneria tissutale da diverse fonti di MSC sugli animali e su un gruppo sperimentale di umani.

Lesione al midollo spinale – Con uno studio pubblicato nel giugno 2010 sulla rivista Spine si scoprì che le cellule staminali del cordone ombelicale di un neonato umano possono migliorare la funzione neurologica dei ratti a seguito di una lesione grave al midollo spinale. I ratti dello studio curati con le cellule staminali del sangue del cordone ombelicale videro un miglioramento significativo nel recupero della funzione locomotoria (la capacità di spostarsi da un posto all’altro) in un periodo di sei settimane rispetto ai ratti non curati. Inoltre, a sei settimane dal trattamento l’area lesa degli animali curati era visibilmente inferiore a quella degli animali non curati. Questo studio si aggiunge all’insieme di prove a supporto del potenziale terapeutico delle cellule staminali del sangue del cordone ombelicale per la riparazione dei nervi.

Per ulteriori informazioni consultare le malattie curate con le cellule staminali.