Parla con un esperto!

Chiamaci al numero
800 788 660

Curare le lesioni cerebrali utilizzando le cellule staminali presenti nel sangue del cordone ombelicale

Per determinare la sicurezza e l’efficacia dell’utilizzo delle cellule staminali mesenchimali (MSC) del sangue del cordone ombelicale umano sono state somministrate le MSC ad un ratto a tre giorni dall’ictus.
Dopo la cura i risultati hanno mostrato un miglioramento significativo della funzione motoria e una riduzione del danno ischemico. Gli studi non solo hanno dimostrato l’efficacia delle MSC nella cura, ma hanno anche mostrato la fattibilità della cura dei danni cerebrali, come gli ictus o le malattie neurodegenerative.
22/09/11 | 7th Space Interactive

La conservazione del sangue cordonale è da tenere in considerazione

Per i genitori essere in attesa di un bimbo è sempre un’esperienza emozionante e travolgente.
Di fronte a decisioni molto importanti per il futuro della famiglia, forse il preparativo più importante di tutti è il processo di raccolta e di conservazione delle cellule staminali presenti nel cordone ombelicale del neonato.
Poiché senza dubbio è una fonte ricca di cellule staminali che è possibile prelevare esclusivamente al momento della nascita, il Dr. Christian Pope, specializzato in ginecologia e ostetricia, ritiene che chiunque stia per diventare genitore dovrebbe prendere in considerazione la conservazione del sangue cordonale.
SouthCoastTODAY.com

Le cellule staminali presenti nel cordone ombelicale possono riparare il muscolo cardiaco danneggiato

Ad Hannah Gillespie era stata diagnosticata l’anemia di Fanconi, una malattia genetica grave che poteva farla morire prima di raggiungere l’età adulta.
20/10/11 | StemCellResearchNews.com

Le cellule staminali mesenchimali del cordone ombelicale possono inibire sensibilmente la crescita delle cellule del tumore al seno

20/10/11 | SpringerLink

Una rivoluzionaria iniezione di cellule staminali potrebbe arrestare l’artrite a milioni di persone

14/11/11 | Daily Mail

I medici delle cellule staminali sperimentano la “fasciatura” per le lacerazioni dei legamenti del ginocchio

Il prossimo anno i medici artefici del primo trapianto al mondo di una trachea artificiale realizzata dalle cellule staminali del paziente eseguiranno delle sperimentazioni cliniche su una “fasciatura” di cellule staminali per riparare la lacerazione dei legamenti del ginocchio, un problema comune tra gli sportivi.
Il team di medici aspira a trapiantare le cellule staminali provenienti dal midollo osseo di un paziente su un’articolazione danneggiata del ginocchio, confidando nell’azione delle cellule come benda riparatrice del tessuto.
15/11/11 | The Independent